Chi dovrebbe insegnare italiano a scuola?

di Claudio Giunta, dal Domenicale del Sole 24 ore

Premetto che

(1) credo che, in media, i migliori, i più colti e motivati (e, che non guasta, i più umili) tra gli studenti di Lettere, e tra i dottori in Lettere, siano gli studenti e i dottori in lettere classiche;

(2) non sono convinto del fatto che nel curriculum di uno studente di Lettere sia giusto dare all’insegnamento della/e letteratura contemporanea/e tutto lo spazio che gli si dà oggi (cioè da due-tre decenni a questa parte), fondamentalmente perché credo che all’università bisognerebbe studiare cose diverse da quelle che ci si vede intorno ogni giorno, che dovrebbero essere note per altre vie, e che non sempre meritano di essere studiate.

Ora che mi sono coperto le spalle con queste due belle premesse reazionarie, aggiungo una terza opinione che invece può suonare leggermente sovversiva: non credo che i laureati in latino o in greco o in glottologia, e insomma in discipline classiche, dovrebbero insegnare la letteratura italiana nelle scuole superiori.

La ragione è che, nel corso dei loro studi all’università, latinisti e grecisti fanno pochi esami di letteratura italiana e (salvo eccezioni) non ne fanno nessuno di discipline come Filologia romanza, Filologia italiana, Letterature comparate, Letteratura italiana moderna e contemporanea; e danno anche pochi o nessun esame di lingue e letterature straniere. È giusto così: diventare bravi classicisti richiede sforzo e concentrazione, direi più sforzo e concentrazione di quelli richiesti da un’altra laurea umanistica: ma è chiaro che non si può fare e non si può essere tutto, e il giusto approfondimento in questi settori rende impossibile – salvo eccezioni: sulle quali non si può però modellare la regola – l’approfondimento degli altri.

Scrivo questo perché invece una recente decisione del MIUR, dichiarando ‘atipica’ la classe di concorso 051 (italiano e latino nei licei), ha dato anche ai laureati in lettere classiche (classe di concorso 052) la possibilità di insegnare italiano non solo nel biennio (dove già potevano) ma anche nel triennio dei licei (dove non potevano).

Non so se dietro questa decisione c’è, come alcuni malignano, la ‘lobby dei classicisti’ (alla quale m’iscriverei subito, se ci fosse, perché considero l’istruzione classica la parte più importante dell’educazione umanistica), né m’interessa saperlo. Credo solo che, a scuola, le letterature moderne vadano insegnate da chi ha preparazione specifica sulle letterature moderne, e passa il suo tempo a leggere Proust e Gadda piuttosto che Menandro e Ovidio. Si possono fare le due cose insieme? No, non direi, e mi pare che questo pregiudizio favorevole ai classicisti (‘se uno sa bene il latino può insegnare tranquillamente anche letteratura italiana’) abbia un’influenza negativa sia su come s’insegna la letteratura a scuola sia su quale letteratura s’insegna.

Quanto al come, è difficile, per chi si è specializzato in latino o in greco, rinunciare alla tentazione di leggere, nei moderni, l’impronta dei classici. Questo atteggiamento è spesso legittimo, naturalmente, ma altrettanto spesso provoca, specie nei più dogmatici (non ne mancano, tra i classicisti), un tematismo ingenuo e antistorico (genere ‘La figura della donna da Catullo a Sereni’), e insomma rende poco sensibili alle discontinuità e alle specificità del mondo e della letteratura moderna, che per essere ben comprese necessitano, a mio avviso, di strumenti diversi.

Quanto al cosa, chi ha dedicato i suoi studi al latino e al greco sarà, in genere, poco propenso a interessarsi e a dare spazio, nell’insegnamento, alla letteratura contemporanea, che del resto conoscerà solo superficialmente (onde aggiornamenti frettolosi, velleitari e a volte semplicemente stupidi, cioè il salto da Virgilio a «quello che c’è in vetrina da Feltrinelli», senza tappe intermedie). Ma mentre sono del parere che all’università (dove bisognerebbe formare dei letterati, diciamo, ‘completi’) di letteratura contemporanea se ne faccia anche troppa, trovo assurdo che i programmi delle superiori, i programmi svolti, si fermino spesso a Pirandello o agli Ossi di seppia, e che alla domanda ‘mi dica i nomi di un poeta e di un romanziere che le piacciono’ i candidati al TFA (cioè i futuri insegnanti) rispondano, con frequenza allarmante, «Ungaretti e Svevo». Sono del parere che occorra ripensare in toto l’insegnamento della letteratura nelle scuole superiori, e in questo ripensamento (che vuol dire sfrondare, che vuol dire de-retoricizzare, e orientare sull’oggi più che sull’altroieri) i classicisti rischiano di essere più d’ostacolo che d’aiuto.

(20 luglio 2014)

Annunci

2 thoughts on “Chi dovrebbe insegnare italiano a scuola?

  1. marisamoles ha detto:

    L’ha ribloggato su laprofonlinee ha commentato:
    Non sono d’accordo su tutto. Io sono laureata in Filologia e critica dantesca e ho impostato gran parte del mio piano di studi sul medioevo. Ho comunque sostenuto 3 esami di letteratura italiana (dalle origini agli anni ‘7’0 del Novecento), linguistica generale, glottologia, 2 esami di lingue, francese e inglese, storia della lingua italiana, filologia romanza, 1 solo esame di Storia e filosofia medievale, 1 solo esame di geografia e 1 solo esame di Latino . Nella A051 posso insegnare geostoria, italiano e latino al biennio, italiano e latino al triennio. Ho una formazione classica ma non ho voluto frequentare Lettere Classiche. A questo punto mi chiedo: il mio percorso di studi mi permette di essere una brava – diciamo così, non sta a me giudicare – prof di italiano ma non di latino? 🙄

  2. lilipi ha detto:

    Penso che, oltre a quanto si studia all’Università, si possa conoscere altro, per approfondimento personale. In ogni caso, è attraverso i concorsi che si possono accertare conoscenze specifiche e capacità d’insegnare i diversi contenuti. In seguito,fa molto l’esperienza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: