Perché ascoltare la musica classica

Da “newmusicalacademy“.

La musica, come l’arte in genere, altro non è che espressione dell’anima. Prende il via dai luoghi profondi  di chi la compone. Si slancia verso gli uditori, sfiorando le corde più segrete del nostro spirito.

La musica classica, in particolare, è quella che meglio raggiunge i punti più inaccessibili del nostro io. La musica classica è più difficile, non è sempre compresa istantaneamente come avviene nel caso di altri generi musicali più diffusi, ha bisogno di attenzione. È necessario prendersi del tempo per apprezzarla. Ascoltandola, vi si scopre sempre un suono nuovo, un’armonia che all’ascolto precedente ci diceva altro e che ancora continua a parlarci in modo diverso: un po’ quello che accade leggendo un grande classico della letteratura.

Oggi, la maggior parte delle persone vive una vita di corsa, frenetica. In tale contesto, il posto che si assegna alla musica è spesso quello di fare da sottofondo alle nostre giornate. Raramente, o forse mai, ci si siede in una stanza fermi, immobili, per ascoltare della musica. Questo vuol dire privarsi della possibilità di far lasciar volare libere quelle emozioni che verrebbero fuori da un ascolto reale. In questo mondo così convulso, la musica classica potrebbe essere quel momento della giornata concesso a se stessi, la pausa dal caos quotidiano: la liberazione dei sentimenti, lo svuotamento di tensioni accumulate, la tranquillità ritrovata.

Diversi studi hanno preso in considerazione gli influssi benefici che derivano dall’ascolto di musica classica. Secondo un recente studio americano, ascoltare musica classica per trenta minuti al giorno aiuta a combattere lo stress e contribuisce al nostro benessere psico-fisico. Anche l’università italiana si è occupata di ricerche di questo tipo. Attraverso un esperimento su persone ipertese,   un’èquipe dell’Università di Firenze ha avuto risultati incredibili: coloro che hanno ascoltato trenta minuti di musica classica al giorno per un mese  hanno migliorato i valori della pressione sanguigna.
La musica classica diventa tale a posteriori, ascoltarla vuol dire conoscere ciò che di meglio è stato composto nelle diverse epoche passate. Da questo punto di vista, ascoltare la musica classica vuol dire anche conoscere le tracce lasciate da uomini illustri, geni che hanno avuto la possibilità e la tranquillità di dedicarsi agli elementi dell’anima, cosa che spesso oggi non prendiamo troppo in considerazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: